PROCLAMAZIONE SCIOPERO GENERALE GUARDIE GIURATE SERVIZI FIDUCIARI E SICUREZZA

Categoria: NOTIZIE dalla FISASCAT
Pubblicato Sabato, 19 Dicembre 2020 08:23
Visite: 442

 

 
   

 

Roma, 11 dicembre 2020

 

Oggetto: Vertenza per il rinnovo del CCNL per i Dipendenti da Istituti ed Imprese della Vigilanza Privata e dei Servizi Fiduciari 2013/2015, Proclamazione sciopero generale nazionale di categoria.

 

Spett.li ASSIV

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

UNIV

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ANIVP

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lega Coop Produzione e Servizi

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Confcooperative Lavoro e Servizi

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

AGCI Servizi di lavoro

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e,p.c.: Spett.le

Commissione di Garanzia dell’Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Spett.le

Ministero dell’Interno DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

Ufficio    per    gli    Affari    della    Polizia Amministrativa e Sociale

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Spettabili Associazioni,

 

ai sensi delle norme sull'esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e sulla salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati di cui alla Legge 12 giugno 1990, n.146 e s.m.i., nonché della Regolamentazione provvisoria delle prestazioni indispensabili per il settore della vigilanza, sicurezza e ordine pubblico adottata a maggioranza dalla Commissione di garanzia con delibera n.06/431 del 19 luglio 2006 e pubblica in G.U. n.183 dell’8 agosto 2006;

 

stante l’esito negativo del tentativo di conciliazione esperito nell’ambito della procedura di raffreddamento ex L.146/90 e s.m.i. svoltosi in data 11.12.2020 in modalità video conferenza;

 

preso atto che codeste Associazioni datoriali, del tutto indifferenti allo stato di enorme disagio originato dal mancato rinnovo del CCNL per i Dipendenti da Istituti ed Imprese della Vigilanza Privata e dei Servizi Fiduciari scaduto dal lontano 31 dicembre 2015;

 

SI COMUNICA QUANTO SEGUE.

 

Anche ai sensi e per gli effetti dell’art. 4 della summenzionata Regolamentazione provvisoria delle prestazioni indispensabili e delle altre misure di cui all'art. 2 comma  2, Legge n.146/1990, come modificata dalla legge n. 83/2000, le scriventi OO.SS. con la presente, nel rispetto del previsto termine di preavviso, sono a proclamare, la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori dipendenti a cui viene applicato il CCNL in parola.

 

La durata e la modalità di attuazione di tale mobilitazione saranno le  seguenti: astensione dal lavoro per tutti i turni di lavoro ricadenti nella giornata del 24 dicembre 2020 delle lavoratrici e dei lavoratori impiegati in attività diverse dai servizi    di sicurezza aeroportuale;

 

Non rientrano nella predetta proclamazione di sciopero gli addetti ai servizi di controllo in ambito aeroportuale affidati in concessione (controllo dei passeggeri in partenza ed in transito; controllo radioscopico o con altri tipi di apparecchiature del bagaglio al seguito dei passeggeri; controllo radioscopico o con altri tipi di apparecchiature dei bagagli da stiva, della merce e dei plichi dei corrieri espresso).

 

Le motivazioni dello sciopero sono rappresentate dallo stato di sofferenza e di profondo disagio dei lavoratori e delle lavoratrici ingenerato dal lungo periodo di tempo intercorso dalla scadenza del CCNL. Infatti, i trattamenti normativi e retributivi della categoria non hanno conosciuto alcun miglioramento, determinando rilevante nocumento patrimoniale, carenza di tutele adeguate rispetto all’evoluzione del settore; tutto ciò malgrado l’impegno professionale e la dedizione profusi nel corso dell’emergenza sanitaria per garantire la continuità del servizio e per contribuire alla sicurezza pubblica.

 

Distinti saluti.