NOTIZIE dalla FIM

SCIOPERO NAZIONALE UNITARIO DEI METALMECCANICI, 14 GIUGNO 2019: più di 30.000 in piazza del Duomo.

MILANO, 14 giugno 2019 - Un corteo di oltre 30 mila metalmeccanici ha attraversato questa mattina le strade di Milano fino a Piazza Duomo. Sul palco si sono alternati gli interventi dei delegati delle aziende della Lombardia, della Val D’Aosta, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino e, insieme con i metalmeccanici di Fim, Fiom Uilm è intervenuto anche il collettivo studentesco di Milano. Contemporaneamente, anche le piazze di Firenze e Napoli raccoglievano i metalmeccanici delle altre regioni Italiane. 
Uno sciopero nazionale, quello di oggi, proclamato unitariamente da Fim, Fiom, Uilm per rimettere al centro dell’agenda politica lavoro, industria e occupazione.
Le adesioni sono state altissime in tutti gli stabilimenti metalmeccanici Italiani con una media di astensione al lavoro del 75% : Tte 100%, Magneti Marelli Crevalcore 85%, Lamborghini 95%, Titan 95%, Denso 85%, Rossi spa 80%, Blutec 95%, Sandivik Italia Spa, 90%, Hydro 75%, Gruppo Bosch 80%, Isotta Fraschini 85%, Acciaierie Venete 100% , Gruppo Whirlpool 85%, Tenaris Dalmine 80%, Ducati Motor 70%, Motori Minarelli 90%, IMA 65%, Gruppo Leonardo 60%, Gruppo ILVA 60%, Gruppo Fca 60%, Fincantieri 47%.

Leggi tutto

 

MILANO PIAZZA del DUOMO

 “Quella di oggi è stata la grandissima risposta dei metalmeccanici all’assenza del governo e alla sua incapacità di incidere nelle politiche industriali”. Così il segretario generale della Fim Cisl Lombardia, Andrea Donegà, sul successo dello sciopero e le manifestazioni dei metalmeccanici a Milano, Firenze e Napoli. A Milano oltre 30mila i lavoratori in piazza con Fim, Fiom e Uilm, arrivati da tutta la Lombardia, dal Piemonte, dal Veneto.  Ad aprire la manifestazione lo striscione “Futuro per l’industria”.

 

 

 

Leggi tutto: SCIOPERO NAZIONALE UNITARIO DEI METALMECCANICI, 14 GIUGNO 2019: più di 30.000 in piazza del Duomo.

SCIOPERO NAZIONALE DEI METALMECCANICI, 14 GIUGNO 2019

SCIOPERO NAZIONALE UNITARIO DEI METALMECCANICI, 14 GIUGNO 2019

Carissime e Carissimi,

il prossimo 14 giugno FIM - FIOM - UILM in modo unitario, hanno proclamato lo sciopero di tutta la categoria che si articolerà in tre manifestazioni: a Napoli, per le regioni del sud, a Firenze, per le regioni del centro e a Milano, per le regioni del nord.

Non appena possibile, indicheremo il punto di partenza del corteo e la piazza di arrivo (che dovrebbe essere piazza del Duomo) e sarà conclusa dal Segretario Generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli, per questo chiediamo a tutti i territori e a tutte le categorie uno sforzo organizzativo per essere presenti, con proprie delegazioni, bandiere e striscioni, alla manifestazione.

Sicuri di poter contare sulla Vostra presenza e solidarietà, vi salutiamo fraternamente.

 

Il Segretario Generale                                             Il Segretario Generale
USR CISL Lombardia                                               FIM CISL Lombardia
     Ugo Duci                                                               Andrea Donegà

 ustcislpavialodi©2019

 

SCIOPERO DI 2 ORE IN ABB: licenziamento inaccetabile

ABB

SCIOPERO PER L'INACCETTABILE LICENZIAMENTO A VITTUONE

ABB ha comunicato nella giornata di martedì 16 u.s. il licenziamento ad un dipendente che doveva rientrare in azienda dopo un periodo di aspettativa sindacale dichiarando che il posto era stato soppresso!

FIM CISL FIOM CGIL  UILM

dichiarano 2 ore di sciopero in ogni stabilimento del gruppo ABB

(le modalità saranno definite a livello aziendale)

ustcislpavialodi©2019

Il Prefetto di Lodi invia ad ABB la richiesta di svolgere ulteriori approfondimenti. I lavoratori oggi manifestano dal Prefetto

Oggi a Lodi, i lavoratori di ABB sono in presidio davanti alla Prefettura. Prima giornata di mobilitazione dopo la decisione di ABB di spostare dipendenti e produzione in un unico sito a Dalmine.

Il Prefetto di Lodi ha inviato ad ABB SACE Stabilimenti di S. Martino in Strada una lettera in cui si invita la Dirigenza dell'ABB

"...di svolgere  ulteriori approfondimenti e a valutare tutti gli interventi possibili e comunque alternativi alla chiusura dell'impianto"

Il Prefetto si rende poi disponibile a qualsiasi azione utile compreso l'apertura di un apposito tavolo in Prefettura volto alla ricerca di qualsiasi soluzione utili al mantenimento dei livelli occupazionali.

ustcislpavialodi©2018

 

Trasferimento di ABB da Lodi a Dalmine: entro il nuovo anno l'azienda vuole chiudere a S. Martino in Strada.

Dovranno percorrere 50 chilometri ogni giorno i 76 lavoratori della ABB sita in S. Martino in Strada che a seguito della decisione dell'Azienda saranno via via trasferiti, per accorpamento a Dalmine. Il gruppo che nel lodigiano si occupa di componentistica di bassa BT e di quadri in media tensione MT, ha preso questa decisione nei giorni scorsi e sarà resa operativa nei prossimi. Entro il nuovo anno l'Aziende intenderebbe trasferire completamente i lavoratori e la produzione in un unico sito a Dalmine.

Le OO.SS. insieme ai lavoratori riuniti in assemblea la scorsa settimana hanno deciso già alcune iniziative di protesta: blocco degli straordinari alcune ore di sciopero da calendarizzare ed una manifestazione-presidio per informare cittadini ed istituzioni in Prefettura a Lodi il giorno 20 settembre.

ustcislavialodi©2018

 

BASTA MORTI SUL LAVORO: domani sciopero ultima ora di turno/giornata