CENTRALINO UST CISL PAVIA LODI ATTIVO

LA CISL PAVIA LODI HA ATTIVATO NUMERO UNICO PER INFO 0382-538180 - dalle ore 8:30-12:30 e dalle 14:00-18:00

ILMINISTERO DELL'INTERNO PUBBLICA NUOVO MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE DA TENERE CON SE!

PUBBLICATO E SCARICABILE NUOVO MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE PER POTERSI MUOVERE DA CASA PER NECESSITA'

CGIL CISL UIL LOMBARDIA VOLANTINO SICUREZZA IN AZIENDA!

Combattere il COVID-19 è una priorità! Se le Aziende vogliono produrre devono garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori.

TANTE PERSONE LAVORANO SENZA INTERRUZIONE PER NOI

Medici, Infermieri, Carabinieri, Polizia, Croce Rossa e Protezione Civile, Volontari in campo per tutti noi! GRAZIE!

1 PERSONA INFETTA NE PUO' INFETTARE ALMENO ALTRE 4

LAVORIAMO PER VOI A DISTANZA - SE URGENTE - CHIAMA I NOSTRI SERVIZI - TRAMITE I CENTRALINI - NOI CI SIAMO!

SEDI CISL PAVIA-LODI CHIUSE AL PUBBLICO

SIAMO PRESENTI COMUNQUE CON I SERVIZI E LE CATEGORIE: richiesti contatti telefonici e via mail. UFFICIO LEGALE VERTENZE DIMISSIONI tel 334-23.56.708

REGIONE LOMBARDIA SITO LIVE

LE NEWS DIRETTAMENTE DALLA PAGINA DELLA REGIONE LOMBARDIA

IL GARANTE DELLA PRIVACY INTERVIENE

CORONAVIRUS: no ad iniziative "fai da te" nella raccolta dei dati. Attenersi alle indicazioni del Ministero della Salute

STRADELLA: CITTA' del LIBRO. VENERDI' SCORSO INCONTRO IN PREFETTURA A PAVIA

Venerdì scorso in contro in Prefettura a Pavia tra Ceva ed OO.SS. I Cobas non disponibili all'accordo proposto dall'Azienda. Fit Cisl Pavia: "rispetto dei diritto di tutti i lavoratori!"

MARTEDI 10 DICEMBRE PIAZZA SANTI APOSTOLI ROMA

Prima giornata di manifestazione unitaria a Roma in Piazza Santi Apostoli. Interventi di Landini, Furlan e Barbagallo. La Cisl Pavia-Lodi in piazza.

CAMPAGNA FNP CISL PAVIALODI

La Federazione Nazionale Pensionati Cisl Pavia-Lodi raccoglie le firme sul territorio pavese.

SCIOPERO UNITARIO TRASPORTI

Manifestazione unitaria a Milano: la FIT CISL c'è!

4 LUGLIO: SCIOPERO ALLA RAFFINERIA DI SANNAZZARO D.B.

Presidio alla Raffineria di Sannazzaro a sostegno della trattativa del CCNL Energia Petrolio

PROTESTE DEI LAVORATORI IGIENE AMBIENTE

Casalpusterlengo: i lavoratori dell'Igiene ambiente protestano davanti al Comune. Nuovo appalto al ribasso!

8 MARZO CONVEGNO SULLA SICUREZZA

CISL Pavia-Lodi e Prefettura di Pavia- Convegno sulla Sicurezza in particolare per le donne

UST CISL PAVIA LODI A ROMA

Più di 120 lavoratori e pensionati sono arrivati a Roma da Pavia e Lodi. (Foto Lops)

Annamaria Furlan alla Cisl di Pavia Lodi

Nella foto: Giovanni D'Antuono, Elena Maga, Ugo Duci ed Annamaria Furlan - Incontro con il consiglio generale Ust CIsl Pavia-Lodi

SUMMIT PROTEZIONE CIVILE E DECRETO LEGGE CDM: emanato DL urgente misure restrittive

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha presieduto la riunione del Comitato operativo sul Coronavirus al Dipartimento della Protezione Civile. Al vertice hanno partecipato il Capo del Dipartimento della Protezione Civile e Commissario straordinario, Angelo Borrelli, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, e in collegamento telefonico il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia e il Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

 

Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019 (decreto-legge)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019.

Il decreto interviene in modo organico, nell’attuale situazione di emergenza sanitaria internazionale dichiarata dall’Organizzazione mondiale della sanità, allo scopo di prevenire e contrastare l’ulteriore trasmissione del virus.

Il testo prevede, tra l’altro, che nei comuni o nelle aree nei quali risulta positiva almeno una persona per la quale non si conosce la fonte di trasmissione o comunque nei quali vi è un caso non riconducibile ad una persona proveniente da un’area già interessata dal contagio, le autorità competenti sono tenute ad adottare ogni misura di contenimento adeguata e proporzionata all’evolversi della situazione epidemiologica.

Tra le misure sono inclusi, tra l’altro, il divieto di allontanamento e quello di accesso al Comune o all’area interessata; la sospensione di manifestazioni, eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato; la sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole e dei viaggi di istruzione; la sospensione dell’apertura al pubblico dei musei; la sospensione delle procedure concorsuali e delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità; l’applicazione della quarantena con sorveglianza attiva a chi ha avuto contatti stretti con persone affette dal virus e la previsione dell’obbligo per chi fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico di comunicarlo al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente, per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva; la sospensione dell’attività lavorativa per alcune tipologie di impresa e la chiusura di alcune tipologie di attività commerciale; la possibilità che l’accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l’acquisto di beni di prima necessità sia condizionato all’utilizzo di dispositivi di protezione individuale; la limitazione all’accesso o la sospensione dei servizi del trasporto di merci e di persone, salvo specifiche deroghe.

Si introduce, inoltre, la facoltà, per le autorità competenti, di adottare ulteriori misure di contenimento, al fine di prevenire la diffusione del virus anche fuori dai casi già elencati.

L’attuazione delle misure di contenimento sarà disposta con specifici decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, sentiti i Ministri e il Presidente della Regione competente ovvero il Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni, nel caso in cui gli eventi riguardino più regioni. Nei casi di estrema necessità ed urgenza, le stesse misure potranno essere adottate dalle autorità regionali o locali, ai sensi dell’articolo 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, fino all’adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Ai fini sanzionatori, il decreto stabilisce che il mancato rispetto delle misure di contenimento è punito ai sensi dell’articolo 650 del Codice penale.

Infine, il testo prevede che il Prefetto, informando preventivamente il Ministro dell’Interno, assicuri l’esecuzione delle misure avvalendosi delle forze di polizia e, ove occorra, delle forze armate, sentiti i competenti comandi territoriali.

*****

Il Consiglio dei Ministri è terminato alle 22.43.