Lavoro. Cisl: “Positivi i dati sull’occupazione con la ripresa del lavoro stabile. Il Pnrr e le misure governative di sostegno stanno mostrando i loro effetti”

Pubblicato Martedì, 02 Agosto 2022 06:55

“Continua dalla seconda metà del 2021 la crescita dell’occupazione, portando il tasso al livello record del 60,1%, nonostante la ripresa dei contagi covid e soprattutto le difficoltà di approvvigionamento di alcune materie prime e dei carburanti”. È quanto sottolinea la Cisl in una nota.

“I progetti del PNRR e le misure governative varate nella prima metà dell’anno hanno finora oggettivamente attutito l’impatto sulla competitività delle imprese e, di conseguenza, sull’occupazione. Per la prima volta dopo molto tempo nel mese di giugno a crescere è esclusivamente l’occupazione stabile, mentre quella a termine addirittura registra un leggero calo. Difficile stabilire se si tratti di una reale inversione di tendenza, probabilmente non lo è. Tuttavia si può ipotizzare un’ondata di trasformazioni dei contratti a termine stipulati nei mesi scorsi e giunti a scadenza, e che, più in generale, la crescita di lavoro stabile rispecchi la maggior confidenza delle imprese nel consolidamento della crescita del Pil.

Questi positivi risultati rischiano però di interrompersi alla luce di una crisi di Governo sopraggiunta in una fase delicatissima. E le prospettive, senza ulteriori interventi, rischiano di essere preoccupanti soprattutto nei settori industriali e nei trasporti, maggiormente dipendenti da approvvigionamento estero. Per questo continuiamo a chiedere a Governo e Parlamento uscenti di assicurare continuità nella gestione dell’emergenza ed ai partiti in campagna elettorale di mettere al primo posto una seria agenda sociale”.

ustcislpavialodi©2022